In Stock

Pacchetelle di Pomodorini col Pizzo del Vesuvio tradizionale, da 520gr. AZ. Coppola

5,90

Pacchetella di Pomodorino del Piennolo dop  in vasetto di vetro. Prodotta dall'azienda  Coppola a Massa Vesuviana (NA), nel Parco Nazionale del Vesuvio. I pomodorini vengono raccolti a fine luglio e fatti “asciugare” in cassette di legno sino alla fine di agosto. Vengono poi tagliati longitudinalmente in due parti e invasettati. La conserva mantiene in questo modo i profumi e i sapori del prodotto fresco. Da saltare velocemente in padella.

Descrizione

Una delle produzioni più caratteristiche dell’area del Vesuvio sono i pomodorini da serbo “col pizzo”, detti anche spongilli o piénnoli (“pendoli”) per l’abitudine di appenderli alle pareti o ai soffitti, riuniti in grappoli (schiocche) e legati con cordicelle di canapa. Sono piccoli pomodori (20-25 grammi) dalla forma a ciliegia, che si distinguono dagli ormai famosi pomodorini di Pachino per la presenza di due solchi laterali (detti coste) che partono dal picciolo e danno origine a delle squadrature, e di una punta, un “pizzo”, all’estremità. La buccia è spessa e resistente, la polpa soda e compatta, povera di succo, prosciugata dal sole che splende sui terreni aridi del vulcano. Si seminano in marzo-aprile e maturano tra luglio e agosto, ma l’antico procedimento di conservazione prevede che li si raccolga a grappoli interi all’inizio dell’estate per conservarli, appesi in locali con adeguata temperatura e umidità, fino all’inverno o addirittura alla primavera successiva. Così, per molti mesi, si possono condire i piatti di pesce, le pizze e le paste della tradizione campana con una pummarola straordinariamente saporita. Non c’è agricoltore vesuviano che non semini una fila di pomodorini col pizzo e non li metta da parte per l’inverno. Ma coltivarne in quantità eccedenti il consumo familiare è faticoso e poco remunerativo: i terreni migliori sono difficili da raggiungere e da coltivare (spesso sono a quote alte, dove le colate laviche stratificate nei secoli si sono trasformate in terreni scuri e sabbiosi) e i piennoli hanno un mercato ristretto, quasi esclusivamente locale. Le bacche rosse hanno buccia spessa, polpa soda e compatta e un sapore dolce-acidulo. Sapore e profumo diventano più intensi con il passare del tempo: man mano che i pomodori asciugano e la concentrazione aumenta. Da sempre hanno costituito il veloce spuntino di mezza mattina dei contadini nei campi: un pomodoro schiattato sul pane, un filo d’olio, sale e basilico. In cucina si utilizzano per le cotture veloci: ad esempio per i vermicelli alle vongole o il pesce all’acquapazza. Eccellenti anche con la carne alla pizzaiola: fettine cotte in un semplice sughetto di pomodorini preparato all’istante, che poi, una volta estratta la carne, serve per condire i maccheroni.

Informazioni aggiuntive

Peso 0.870 kg
peso-effettivo

520 gr.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Pacchetelle di Pomodorini col Pizzo del Vesuvio tradizionale, da 520gr. AZ. Coppola”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare…